GRANDE SUCCESSO PER LA CENA DI NATALE BIANCOROSSA

cena natale

Tanto calore e grande partecipazione, ieri sera al ristorante “Frontemare”, food sponsor ufficiale della società, per la cena di Natale organizzata dal Rimini F. C. Nell’ampia e accogliente struttura affacciata sulla spiaggia si sono dati appuntamento, accomunati dalla comune fede biancorossa, la dirigenza al gran completo, i giocatori e lo staff tecnico, le quattro formazioni del settore giovanile con gli allenatori e gli accompagnatori e, naturalmente, i tanti supporter che con entusiasmo sono intervenuti al momento conviviale. Tra cori, applausi e le note dello storico inno “Rimini vai”, sul palco sono saliti tutti i protagonisti della rinascita biancorossa, dunque i componenti delle formazioni giovanili, quelli della prima squadra guidati da mister Alessandro Mastronicola e capitan Adrian Ricchiuti e, naturalmente, i vertici della società con in testa il presidente Sergio Santarini e Giorgio Grassi. Proprio l’ideatore del progetto, dopo aver ringraziato uno a uno gli sponsor della società biancorossa, si è così espresso. “Il bilancio di questi quattro mesi e mezzo sarebbe potuto essere migliore, sotto tanti aspetti, e di questo mi assumo personalmente la responsabilità – ha affermato Grassi -. Dobbiamo lavorare molto di più, migliorarci, dobbiamo dimenticare la storia che abbiamo alle spalle, le cose che abbiamo fatto e ricominciare per quello che siamo. Dalla quinta serie. Naturalmente il prossimo anno ci auguriamo fortissimamente di raggiungere la Serie D, quella che fino a qualche anno fa era la quarta serie, la C2 nella quale anche Vincenzo Bellavista, il più grande presidente della storia del Rimini, ha dovuto soffrire tanti anni”. Poi il tributo al popolo biancorosso. “Approfitto di questa occasione per rendere un grande omaggio alla tifoseria. Nonostante le incomprensioni iniziali, in questi mesi le cose sono cambiate in maniera radicale e profonda. Ritengo che i nostri supporter abbiano dato una dimostrazione di crescita e di maturazione incredibili. Stanno succedendo cose che non accadevano da dieci anni a questa parte, in termini di voglia, di passione genuina per i colori di questa città. Delle famose 5 gambe del nostro progetto il voto più alto lo assegno senza dubbio alla tifoseria”.