RIMINI-OLD MELDOLA 8-0

RIMINI (3-4-3): Scotti; Giua, Brighi, Carnesecchi; Fabbri (10′ st Valori), Mani (28′ st Moretti), Bacchiocchi (23′ st Righini), Guiebre; Ricchiuti; Buonaventura, Cicarevic. A disp.: Mignani, Nanni, Buda, Albini. All.: Mastronicola.

OLD MELDOLA (3-5-1-1): Ticchi (14′ pt Baldazzi); Dene (1′ st Giangrandi), Zaccarelli, Poletti, Zanotti (21′ st Buonsangue), Morandi; Bara, Zoffoli, Bini, Corzani; Russomanno. A disp.: Cristofani. All.: Orlatti.

ARBITRO: Sangiorgi di Imola.

RETI: 12′, 38′ e 42′ pt Buonaventura, 28′ pt Fabbri, 2′ e 6′ st Guiebre, 18′ st Ricchiuti, 43′ st Buonaventura.

AMMONITO: Morandi.

ESPULSO: 40′ st Bini.

NOTE: spettatori 2.723 (paganti 913, abbonati 1.810). Angoli 10-5.

Il Rimini asfalta al “Romeo Neri” il malcapitato Meldola e celebra, nel migliore dei modi, la festa organizzata per la promozione ottenuta una settimana fa a Corticella. Una festa nella festa perchè con la presenza odierna capitan Adrian Ricchiuti raggiunge quota 340 presenze in campionato con la maglia a scacchi (prima del fischio d’inizio è stato premiato dalla società con una targa e una maglia celebrativa) diventando il recordman assoluto nella storia della società biancorossa. La prima emozione dopo nemmeno due minuti di gioco quando Cicarevic serve in profondità Buonaventura fermato dalla provvidenziale uscita del portiere Ticchi. Al 7′ Ricchiuti innesca Buonaventura sulla sinistra, il diagonale del bomber biancorosso sul secondo palo termina di poco a lato. Due minuti dopo il copione si ripropone con Buonaventura che, dopo aver saltato un avversario, entra a contatto con l’estremo difensore e termina a terra. Per il direttore di gara è tutto regolare. Al terzo tentativo il tandem in maglia a scacchi non sbaglia. Minuto 12: il gaucho, dalla sinistra, serve alla perfezione in area Buonaventura che con un tocco morbido supera Ticchi. Al 19′ capitan Ricchiuti prova il pallonetto da 35 metri ma Baldazzi, appena subentrato all’infortunato Ticchi, toglie la sfera dall’incrocio dei pali. Al 22′ si vede il Meldola con una conclusione di Corzani dalla distanza, nessun problema per Scotti. Tre minuti più tardi Ricchiuti approfitta di una indecisione della difesa ospite ma il suo tentativo è debole e preda del portiere. Al 28′ il Rimini raddoppia. Fabbri, dalla destra, mette in mezzo per Cicarevic il cui tiro viene murato da un difensore, palla a Ricchiuti che serve lo stesso Fabbri che non sbaglia. Al 30′ Guiebre raccoglie una respinta della difesa forlivese e di sinistro lascia partire un gran diagonale che termina di poco sul fondo. Pochi secondi dopo Cicarevic serve in area Ricchiuti che conclude a rete ma Baldazzi si oppone con efficacia. Al 37′ bella combinazione di prima Ricchiuti-Buonaventura-Cicarevic, il tiro del montenegrino viene respinto, murata anche la successiva conclusione di Ricchiuti. Al 38′ il gaucho, dalla linea di fondo, serve un assist al bacio per Buonaventura che, da due passi, cala il tris. La premiata ditta replica nuovamente al 42. Ricchiuti pesca Buonaventura dalla trequarti, il bomber non sbaglia e realizza il poker. Si va al riposo sul 4-0. La ripresa segue il medesimo spartito suonato nella prima frazione e dopo 2 giri di lancette Guiebre, servito da Buonaventura, realizza il gol dell’ex. Al 5′ il neo entrato Giangrandi, di testa, impegna Scotti che si salva in angolo. Al 6′ Guiebre riceve palla in area e, dopo aver saltato Bini, realizza la sua personale doppietta. Al 15′ Cicarevic mette in mezzo per Ricchiuti che conclude in acrobazia, Baldazzi blocca. Al 17′ Ricchiuti serve in area Valori, la conclusione dell’attaccante viene deviata dal portiere in angolo. Sugli sviluppi del corner il capitano effettua un tiro cross che, complice una deviazione di Zaccarelli, termina alle spalle del portiere. Al 34′ Ricchiuti si sbarazza dello stesso Zaccarelli e tira, la sua conclusione a giro sfiora il palo. Al 43′ Cicarevic, con una bella conclusione a giro, centra il palo. Un minuto dopo Valori imbecca Buonaventura che, da due passi, non sbaglia. Il bomber realizza il suo personalissimo poker. Al “Neri” termina 8-0 per i ragazzi di mister Mastronicola. Poi la festa con i tifosi: il giro di campo dei protagonisti della prima squadra, con canti e balli sotto la Curva Est, e la pacifica invasione di campo del popolo biancorosso.